Entro fine anno, come già sappiamo, tutti i telefoni cellulari commercializzati in Europa dovranno poter essere ricaricati con un unico tipo di caricabatterie. La scelta, voluta dalla Commissione Europea, è dettata soprattutto per esigenze ecologiche e per facilitare la vita dei cittadini che utilizzano più dispositivi.

Grazie alla cooperazione tra quattordici case costruttrici e la Commissione europea, il progetto denominato “One charger for all” è finalmente diventato realtà. Il 29 dicembre 2010 erano infatti state pubblicate le nuove norme tecniche per i telefoni cellulari “data-enabled”, e ieri il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani riceveva un esemplare del caricabatteria universale compatibile dalle mani di Bridget Cosgrave, direttore generale di DIGITALEUROPE, la principale associazione che rappresenta l’industria europea delle tecnologie digitali.

“Una piccola, grande rivoluzione per i consumatori – dice Tajani – che auspichiamo possa essere estesa al più presto possibile anche a tutte le altre apparecchiature che hanno bisogno di ricarica elettrica, come Mp3 e tablet”.

L’accordo prevede che entro il prossimo novembre tutti i nuovi telefonini siano in grado di utilizzare il nuovo caricatore universale con interfaccia Usb. «Con il lancio di questo nuovo apparecchio – ha detto Bridget Cosgrave, direttore generale di Digitaleurope – sarà possibile ridurre il numero di caricabatteria in commercio poichè lo stesso apparato, fatto per durare almeno 10 anni, potrà essere utilizzato anche in caso di acquisto di un nuovo telefonino. Parallelamente, si ridurrà così anche la quantità di rifiuti elettronici»

Technology and Hack

Source