Sono stati assegnati i lotti per la banda larga 4G di nuova generazione, il ministero dello Sviluppo Economico ha infatti aperto le buste con le offerte per i 24 lotti di frequenze e si è già raggiunta la cifra di 2,3 miliardi di euro.

NewImage

Ciò dipende della concorrenza tra i quattro principali operatori mobili italiani che hanno fatto di tutto per aggiudicarsi questi primi importanti lotti. Quelli più importanti e pregiati, dato che sono gli unici a 800MHz. Le offerte sono arrivate da 3Italia e Vodafone, che concorrono per un lotto, e da Tim e Wind, che invece hanno presentato offerte per due lotti. Nei prossimi giorni verranno messe all’asta le frequenze minori da 1800, 2400 e 2600 MHz.

Dicono al ministero:

“Tutti e quattro gli operatori gareggeranno per i sei lotti di frequenze a 800 MHz e ciascuno deve ottenerne almeno due (5 MHz + 5 MHz) per costruirci sopra una copertura di rete adeguata. Prevediamo di avvicinarci ai 3 miliardi di euro”, spiegano al ministero, “ma si può già dire che abbiamo evitato il flop: siamo già a un passo da quel livello minimo di incassi, 2,4 miliardi di euro, previsto da Giulio Tremonti nella legge di Stabilità.”

Technology and Hack